lunedì 18 gennaio 2010

Ciò che perdi è tuo per sempre

Alle volte capita di amare qualcuno, di sentirsi leggeri per questo e aperti alla vita.

Capita di sentirsi vivi, o di sentirsi elevare nei pensieri e nelle emozioni.

Capita di sentirsi più ottimisti o più coraggiosi sapendo di avere al fianco quella persona.

Capita di ricevere da quella persona attenzioni, amore, sostegno, cura, riconoscimento, delicatezza e tutto quello che una persona che ci ama può dare.

Poi quella persona se ne va e sembra che resti il vuoto.

Ma in quel vuoto ci sarà un amico che darà il riconoscimento.

Aiutando qualcuno potremo sentirci aperti e leggeri: vivi.

Leggendo un libro o meditando ci sentiremo elevare a livello mentale o emozionale.

Ogni tanto vivremo situazioni in cui qualcuno ci manifesta qualcosa di tenero.

Tanti frammenti del passato che ritornano in nuove forme, che insieme rendono il passato una copia sbiadita di un più ricco presente.

Quando ci penso, mi sembra che tutto assuma una luce diversa per l'occhio che dentro di me guarda il mondo.

E' come pulire il vetro di una lampada ad olio...

Alessandro D'Orlando

Nessun commento:

Posta un commento