venerdì 23 aprile 2010

Dopo, domani, mai

Alle volte ci si sente frustrati a non riuscire a raggiungere qualcosa.

Si ha il dubbio che sia troppo tardi.
O che il compito supera le proprie forze.
O che il mondo non sia il posto adatto per quel desiderio.
Che quel desiderio sia irrealizzabile.

Alle volte è utile proiettarsi nel futuro e capire che il tempo è sempre dalla nostra parte. Forse non basteranno 100 anni. Ma la direzione è tracciata.

E se dobbiamo pensare ad arrivare da qui a 100 anni, possiamo aspettare 100 anni.

Ma allora perchè non aspettarne 1000?
O 10000?
E perchè in fondo attendere così tanto?

In fondo tutto ciò che non accade ora non accadrà mai.
E forse potrà accadere nel futuro.
O anche no.

Forse è solo una scusa per trovare un senso a tutto.

Ma se non ci fosse il senso...
Abbiamo davvero bisogno di questo senso?
Possiamo stare senza un senso?

Semplicemente esistere e lasciare che il tempo ci porti verso le acque tranquille...

Alle volte pensarlo rilassa.

Si può uscire dal pathos del raggiungere qualcosa. Dal dolore di non averlo. Dal passato, passato a non averlo. Dalla prospettiva del futuro che trascorre senza ciò che vorremmo.

Si può essere.
Essere e basta.

E' un buon punto di partenza per porsi obiettivi.

Con lucida e ferma calma.
Ogni istante pootrebbe allora portare a ciò che si desidera.
O anche no.

Se accade, accade allora come una sorpresa.
Che non si può pretendere, nè attendere.

Forse la vita migliore è quella vissuta come il Natale.
Sai che arriverà una sorpresa, ma non sai da chi (forse anche da te per te), nè quando.
E questo la arricchisce ancora di più.

Alessandro D'Orlando

2 commenti:

  1. La legge dell'attrazione dice che tutto ciò che abbiamo, lo abbiamo voluto .... la nostra anima l'ha voltuo per raggiungere il suo obiettivo .... per evolvere...
    Tutto ciò che non abbiamo....forse non ci serve ..., non serve alla nostra evoluzione ... non lo vogliamo davvero. Forse dovremmo realizzare che esiste ciò che vuole la nostra anima (e se l'abbiamo "riconosciuta" sappiamo che esiste) e quello che vuole il nostro campo mentale. Purtroppo/per fortuna esistono entrambi ed entrambi probabilmente non vogliono la stessa cosa ...
    Magari dovremmo essere così "bravi" da accettare quello che viene, come viene ...

    RispondiElimina
  2. Grazie a Claudia per la semplicità.
    L'immagine evocata da questo commento è molto bella. Trasmette chiarezza e positività. Oriella

    RispondiElimina