venerdì 10 dicembre 2010

Uscire dal labirinto

La vita, con i nostri tentativi di raggiungere qualcosa o di evitare qualcos'altro è un bel labirinto.

Non c'è mai pace: le nostre paure ci portano vicino a ciò che temiamo così che possiamo imparare a non averne più paura. I nostri desideri ci lasciano insoddisfatti, raggiunti o meno che siano.
Alla fine di tutto, comunque, sappiamo che perderemo tutto ciò che per noi è importante.

L'unica àncora di salvezza è la meditazione: è per alcuni brevi istanti, come alzare lo sguardo al cielo e capire che esiste qualcos'altro che non è il correre in continuazione.

La meditazione è identificarsi con il cielo che copre il labirinto, smettendo di identificarsi con la figurina che si muove all'interno, con i suoi pensieri, o le sue paure, o gli ostacoli davanti ad essa.

Per alcuni istanti siamo liberi, prima di tornare ad essere le formiche che siamo nella vita quotidiana.

Fino al giorno in cui la vita vera sarà quella nella meditazione, 24 ore al giorno, da svegli o da addormentati, nell'ansia o nella calma.

Credo che sia un sano obiettivo da perseguire dal 2011 in poi.

Nessun commento:

Posta un commento