lunedì 2 aprile 2012

La libertà di fermarsi

Di scendere dal treno e dire "sono stanco"
di tornare a guardare il cielo e la terra
di buttare l'agenda

di godersi il tempo
e la compagnia delle persone
dei grandi e piccini

di rinunciare ai propri sogni
senza per questo diventare acidi

ai soldi
senza per questo sentirsi poveri

di rinunciare alle proprie paure
senza per questo sentirsi incoscienti

di vivere bene nel qui ed ora
senza movimento
senza obiettivi
senza direzione
senza chiarezza
senza idee

Almeno per un istante
anche solo con l'attenzione al respiro.

Forse sarà il momento più bello della giornata
o della vita.