sabato 15 giugno 2013

Guardiani della notte

L'ora ideale per la meditazione
è forse proprio il cuore della notte
prima dell'alba, al buio.

Consola pensare
che proprio nel momento in cui qualcuno può sentirsi più solo
o triste
o disperato
da qualche parte, forse anche molto vicino
c'è qualcuno che resta fermo nell'intenzione di essere presente.

E' la comunione tra chi medita e chi non lo fa.
Tra chi veglia nel sonno
e chi si abbandona ad esso.

Una comunione invisibile e nascosta
che può cambiare il mondo.




Foto:
Original photogravures produced in Boston by John Andrew & Son from 1905-1908.
Seattle : E.S. Curtis, 1909.





2 commenti:

  1. Ho letto una frase "se non riesci a dormire di notte è perchè sei sveglio nel sogno di qualcuno". Magari qualcuno che medita. Meditare all'alba è bellissimo. Simona

    RispondiElimina
  2. E' uno scritto che contiene spunti per diverse riflessioni.
    La foto ,secondo me,è di aiuto,ed è anche bella.
    Mi colpisce infatti la frase:
    "E' la comunione tra chi medita e chi non lo fa.
    Tra chi veglia nel sonno
    e chi si abbandona ad esso."
    Grazie.Oriella

    RispondiElimina