sabato 27 agosto 2011

Il 2012 è ogni giorno

Molti si chiedono quando sarà la fine del mondo.

Forse sarà per tutti, con qualche improvviso cataclisma.
Forse sarà per alcuni, che troppo esposti, saranno portati via nella notte.

Altri saranno annientati dalle proprie paure, o dalle fatiche,
a poco a poco, o con un collasso improvviso.

Ma alla fin fine, aiuta andare incontro alla fine di tutto, come se dovessere essere già ora.
Come cambia il pensiero se il secondo dopo non c'è più tempo per sistemare nulla?

Affrontare le cose più spaventose della propria vita, le proprie paure più profonde.
Andarci incontro, subito, perchè domani non c'è più tempo.
Magari respirandoci dentro, meditando immobili come pietre antiche.

Il 2012 è già qui, è adesso, ogni secondo, per tutti, e c'è sempre stato.
Solo che non ce ne siamo accorti.

E con questa calma possiamo andare avanti,
incuranti del tempo, delle idiozie sociali e dei calendari.

venerdì 19 agosto 2011

Tutta la violenza del passato è qui...

...ora...
vicino a noi,
gomito a gomito.

La caccia alle streghe,
le violenze contro chi protesta,
il primato della razza,
le guerre sante,
marce e proclami,
stemmi che schiacciano il cuore,
immagini che uccidono la ragione,
parole che confondono la verità,
morti nascoste da candidi sorrisi,
arene con gladiatori,
lapidazioni,
campi di concentramento,
uccisioni sommarie,
genocidi.
Come nel medioevo peggiore.

Può la paura essere una risposta? Può la rabbia essere una risposta?
O solo la calma osservazione di ciò che è?
Sotto parole, immagini, emozioni - là sotto c'è, forse, la risposta.

martedì 16 agosto 2011

Vite apparenti

Ci si congela per un trauma, o un sogno inseguito troppo a lungo.

All'inizio non ci si accorge del sonno che avanza.
Come in Valilla Sky, la vita scorre apparentemente normale, sempre uguale a sè stessa.

Ti accorgi di essere ibernato quando ti risvegli.
Capisci che hai perso 5, 10, 20, 30 anni di vita e senti all'inizio l'irrefrenabile desiderio di viverla.
Vivere quello che hai perso.

Così cerchi di vivere a 30 quello che non hai vissuto a 20.
O a 40 quello che non hai vissuto a 30.
O a 50 quello che non hai vissuto a 15.
E ti accorgi della follia solo quando capisci che non è possibile.

Vivere il lutto per la vita persa, elaborare il trauma che ha portato al congelamento, o la delusione per il sogno che ha deluso, i drammi che ha portato il vivere oggi quello che avresti dovuto vivere ieri e che oggi è possibile solo con molti, troppi danni.

Capire che in fondo non è stata colpa di nessuno e che in fondo il mondo va bene così com'è.

E' una delle strade di redenzione possibili per una vita che era persa nelle nebbie del sogno di una vita apparente.


lunedì 15 agosto 2011

Quella che per il mondo è la depressione...

potrebbe trattarsi semplicemente di stanchezza delle nostre meschinità, o delle nostre debolezze, o della vita insulsa che conduciamo e che ci porta lontano da ciò che desideriamo.

Potrebbe trattarsi di una prova che la vita ci pone per vedere se siamo in grado di meritare ciò che ha in serbo per noi.

Potrebbe trattarsi di un fuoco sacro che brucia le impurità del cuore affinchè possa ricevere nuovo nutrimento.

Potrebbe trattarsi di una voragine che si apre nell'anima e da cui può finalmente sgorgare, via via con sempre più consapevole energia, nuova linfa vitale.

Potrebbe trattarsi della parte nevrotica che vede morire un altro pezzo di sè affinchè l'essere di Luce che siamo si manifesti in tutta la sua bellezza.

Il processo è lento e doloroso. Tortuoso a tratti e insidioso in altri.
Sembra che sia anche obbligato per fare certi passaggi.
E forse è semplicemente l'inverno che arriva puntuale ogni anno.
Prima della prossima primavera.




venerdì 12 agosto 2011

Orwell dentro di noi

Abbiamo dentro un doppio pensiero.

Pensiamo una cosa e ne facciamo un'altra, pensiamo una cosa e ne proviamo un'altra, proviamo una cosa e ne facciamo un'altra, crediamo a due idee completamente opposte nello stesso momento, facciamo due cose con fini opposti nello stesso momento, proviamo due cose opposte nello stesso momento.

Uccidiamo (prima di tutto noi stessi) pensando di dare vita, ci instupidiamo (prima di tutto nella ricerca dell'indifferenza) pensando di diventare forti, viviamo da schiavi (prima di tutto delle nostre nevrosi) pensando di essere liberi.

Siamo indifferenti alla solitudine degli altri ma non alla nostra, o viceversa. Al nostro dolore ma non a quello degli altri, o viceversa.


Umanamente stiamo scadendo o evolvendo? E' il male che emerge per come è sempre stato o stiamo perdendo ulteriormente qualcosa?

Come abbiamo potuto vivere così spezzati? Come abbiamo potuto crescere così frammentati?
Che futuro ci aspetterà?

Come diceva Krishnamurti: la casa bucia e noi stiamo a discutere del colore del vestito del pompiere.

 E non facciamo nulla.

Abbiamo forse troppa paura di vedere noi e il mondo per quello che sono.
Per questo lasciamo forse al male tutto il suo potere.


mercoledì 3 agosto 2011

Il nemico dentro

Alcuni sviluppano capacità speciali dovendo affrontare dei nemici fuori.

Altri sviluppano poteri fuori dall'ordinario per affrontare nemici dentro.

Cattivi pensieri, cattive emozioni, cattive sensazioni sono le brutte compagnie che alle volte ostacolano chi si mette in cammino per riprendersi la vita.

Così tutto ciò che aiuta a andare avanti, fosse anche di un piccolo passo, è benedetto.

Non è così scontato andare avanti. Non è così scontato nemmeno stare fermi certi giorni.

Non è così scontato non arretrare nelle difficoltà.

Già riconoscere questo aiuta contro il primo dei nemici: l'ingratitudine verso sè stessi.