martedì 25 agosto 2009

Il momento del dolore

Ci sono momenti in cui non c'è nessuna altra alternativa sensata oltre alla sofferenza ed al dolore.

Senza attaccamenti, senza esltazioni del dolore o autoesaltazioni.

Senza nemmeno volerlo evitare con le migliaia di tecniche immaginative e fisiche possibili.
Nessun progetto per il futuro, nessuna fuga nel presente, nessun rimpianto per il passato, nessuna speranza.

Starci, semplicemente, perchè pulisca quello che c'è da pulire, fino alla fine.

Poi si può ricominciare. Di qualsiasi cosa si tratti. Da qualsiasi momento voglia arrivare la fine del dolore.

BUSINESS E ETICA RIUSCITI

http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/ambiente/alghe/alghe/alghe.html

martedì 18 agosto 2009

SEGNALO QUESTO ARTICOLO

http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/ambiente/transition-town/transition-town/transition-town.html

sabato 15 agosto 2009

NON SAPPIA LA MANO DESTRA COSA FA LA MANO SINISTRA

Alle volte viviamo come se sapessimo la nostra storia, come se stessimo preparando una storia per qualcuno che vorrà ascoltarci, viviamo raccontandoci anche come sarà il nostro futuro e la nostra fine, e la nostra identità stessa si fonda sulla storia che ci raccontiamo di noi.

Ma se questa storia fosse falsa?

I pragmatici dicono che la storia deve aiutarci a vivere e lavorare, non importa se sia vera o no.

Agiamo e diamo poi un senso alle nostre azioni, buone o cattive che siano, false o vere che siano le motivazioni, benevole verso di noi o punitive.

Ma oltre questa storia cosa c'è? Se arriviamo al punto in cui nessuno ascolterà più la nostra storia, se accettiamo di non sapere la nostra storia nè quello che siamo e che vogliamo. Se per un momento ci disinteressiamo di qualcuno che vorrà ascoltarci (e a cui ci si può affezionare per questo) e accettiamo la solitudine in cui viviamo.
Se smettiamo di agire e di dare un senso a questo agire.

Se per un momento ci poniamo in quella dimensione... che succede?

In fondo, la morte è uno di quei momenti: quello che eravamo perde di importanza, quello che saremo non lo sappiamo e ci sfugge - se osiamo andare oltre a quello che crediamo - e non ci sarà nessuno ad ascoltare la storia di quello che eravamo e che ci sta accadendo.

Siamo soli davanti al Nulla, nel Nulla, con Nulla tra le mani.

Forse c'è grande energia lì.

Si può vivere così ogni giorno?

Come sarebbe la vita, e l'energia, in uno stato di coscenza di questo tipo?

Quanta forza personale serve per reggere a questa energia?

A.

sabato 8 agosto 2009

PERDERE E' LA PRIMA COSA CHE FACCIAMO E L'ULTIMA CHE IMPARIAMO

Il titolo è un detto degli indiani d'america, almeno così mi è stato passato.
Credo che sia importante il messaggio che porta: non ci sarebbero così tante sofferenze quando le cose non vanno come dovrebbero nei rapporti di ogni giorno.

Non ha senso cercare di capire cosa sta dietro l'azione di una persona, soprattutto se dietro questa ricerca si nasconde l'illusione di controllarla, di prevederne le mosse, di proteggersi da lei.
Lo si può fare, certo, ma richiede fatica e la posta in gioco deve essere alta. Soprattutto non si opera in un regime di parità: è più qualcosa che ha a che fare con la manipolazione, la seduzione, la guerra psicologica per vincere sull'avversario e avere da lui quello che ci serve.

Ma quando è l'anima dell'altro quella che vogliamo, il suo amore, il suo cuore, a quel punto non resta che accettare di essere su un piano di parità: su quel piano possiamo anche essere deboli e impotenti davanti alle chiusure dell'altro. Possiamo solo aspettare - se ce la facciamo - che l'altro decida cosa vuole fare: se procedere o meno, e come.

Su quel piano si tratta, ci si scontra, ci si confronta, ma sempre su un piano di parità.
Anche con il rischio di perdere.

Vincere con l'astuzia sarebbe equivalente ancora a perdere.
Si vincerebbe una persona che non ha la forza per sostenere il ruolo che le è stato dato.

Così, ancora una volta, l'unica cosa che vale la pena fare è ritirarsi. Aspettare, se si vuole farlo.

Ho visto molti pazienti impegolarsi dentro situazioni sempre più intricate solo perchè rincorrevano qualcuno. Non ne vale la pena. Soprattutto se il prezzo è un progressivo indebolimento.

Alessandro D'Orlando

venerdì 7 agosto 2009

COME FINISCONO LE STORIE

Alle volte si lotta contro la fine di una storia, ostinandosi a cercare un sentimento dientro il male che l'altro compie. Ci si ostina a cercare la luce che sta oltre le azioni e le parole che allontanano.

Ma così ci si procura solo sofferenza.

Nelle storie c'è sempre chi se ne va per primo, e quello può farlo semplicemente al posto dell'altro.

E c'è sempre un innocente che si accanisce sul colpevole, e la rabbia dell'innocente è spesso peggiore del colpevole, perchè è la rabbia del giusto.

E c'è sempre che si lamenta che non ha abbastanza, perchè non riesce ad ammettere che non è abbastanza ciò che dà.

Così tutto si confonde: chi resta vuole trattenere chi se ne va non riconoscendo la propria voglia di andare, chi si accanisce contro l'altro non riconosce la rabbia sproporzionata, chi si lamenta non si accorge delle proprie carenze.

Tutto si rovescia e si confonde.

Non resta che stare fermi, aspettare.

Immobili, senza andare verso l'altro, nè allontanarsi, cercando di ricostruirsi una vita da soli.
Chiarendosi dentro.
Ammettendo le proprie colpe...
Dopo si può, forse, ricominciare.

Spesso invece si trattiene l'altro senza diritto, o ci si allontata prima del tempo.

Bisogna invece fare come i cacciatori, fermi, fino all'ultimo giusto centimetro dalla preda.

Il dolore acuto allora prepara a un nuovo inizio, o a qualcosa di totalmente nuovo.

Alessandro D'Orlando

giovedì 6 agosto 2009

La parte più umana dell'essere

Alle volte le cause vanno sostenute anche se sono cause perse, non perchè c'è l'illusione che possano essere vinte, ma semplicemente perchè la lotta per queste cause mantiene viva quella parte di noi che è ancora umana. Non si tratta di illudersi di vincere, o di sperare di vincere: si tratta semplicemente di sentirsi umani, coerenti con quelle forze in noi orientate alla vita.

Le cause sostenute possono volere giorni, o forse secoli, e lo spirito è semplicemente quello di stare in un flusso che permette di mantenere l'ispirazione e la vitalità.

Kant una volta scrisse qualcosa del genere: "La differenza tra un essere umano e l'universo è che l'essere umano può guardare l'universo mentre lo sta per annientare, ed esserne consapevole".

Credo che sia vero: possiamo guardare al Male mentre impeversa, essendone consapevoli, anche nella totale impotenza.

Questo ci àncora nella pura percezione, senza l'ossessione continua di agire: da questa pura percezione senza urgenza può nascere una parola, un gesto, una forza che può - forse - cambiare qualcosa.

Se non altro, dentro di noi - come ad esempio, la libertà dalla paura.
Ed è già la vittoria principale.

A.D.

Ti stai solo scaldando

Ci sono momenti della vita dove ci si sente soli, dove non arriva il calore della amicizia, o delle relazioni di ogni giorno, dei sogni sul futuro o dei ricordi. Alle volte ci sono dei momenti dove ci si può sentire anche dimenticati dalla Vita, e da un senso da dare alle cose.

Quelli sono i momenti in cui ci si lascia andare, o si reagisce pensando che ci si deve rialzare (dando per implicito l'insidioso presupposto che si è caduti per terra), o si pensa che quello è il momento in andare avanti con tutte le proprie energie, senza risparmiarsi... Comunque sia, ci si dimentica che alla fine si tratta - forse - della rappresentazione di un semplice dramma, e che la frase che può aiutarci è quella che Milton Erickson, il più grande ipnotista mai esistito, disse una volta ad un paziente: quando pensi di essere arrivato alla fine, in realtà pensa che ti stai solo scaldando...

Ti stai solo scaldando, e bel altre sono le sfide che ti aspettano, e non è detto che siano solo sfide in cui sopportare una perdita, forse sono anche sfide in cui rischi di conquistare qualcosa.
Essere bravi in tutte e due le cose non è da tutti.

Buon viaggio

Alessandro D'Orlando