domenica 19 giugno 2016

Perché non puoi smettere di giudicare

Se tu sapessi veramente cosa hai dovuto vivere nell'infanzia non ti giudicheresti,
ma non lo sai.
L'hai accantonato per poter andare avanti e sentirti all'altezza del complesso compito di dover crescere.

Se tu sapessi veramente quanta paura hai dentro non ti giudicheresti per i tuoi errori, ma non lo sai.
L'hai smarrito nel tentativo di competere con te stesso e le tue debolezze e vincere l'applauso del mondo e dei tuoi genitori.

Se tu sapessi veramente quanta disperazione hai dentro non giudicheresti il prossimo per i suoi gesti disperati, ma non lo sai, perché non lo potresti reggere.

Così rifugiato nel piccolo scoglio della mente razionale con i suoi stereotipati giudizi (di superiorità, di inferiorità, di essere o non essere bravi, di essere o non essere migliori di altri) eviti semplicemente di sapere quello che c'è, con la sua angoscia e il suo bisogno di essere abbracciato.

Siamo tutti sulla strada della disperazione come diceva il mio insegnante Sergio Mazzei: se vuoi smettere di giudicare il tuo partner, i tuoi amici, il mondo, te stesso renditene semplicemente conto (con il respiro, la meditazione, la psicoterapia).

L'alternativa al diventare consapevole è lo scaricare le tue angosce e i tuoi conflitti sugli altri e riempirli di caos, in cambio del tuo fragile equilibrio.

Il prezzo del giudizio e della separazione in cambio di una misera tranquillità o il prezzo dell'angoscia in cambio della compassione e del senso di unità.

Quale scegli?







domenica 12 giugno 2016

Perché ti innamori delle persone sbagliate?

Perché vedi qualcosa di te,
ma ancora non lo sai.

Vedi, senti quello che di più tenero c'è in te e non hai ancora accettato, o benvoluto.
Quella ferita che nessuno ha visto, ferendoti milioni di anni fa, miliardi di volte. Quel dolore che anche tu hai smesso di vedere, di curare.

Se ti potessi voler bene,
andresti direttamente al tuo cuore, senza passare per cattivi intermediari.
Andresti verso la tua freddezza e la tua durezza, per accoglierle e accogliere quello che nascondono sotto.

L'ego, la sua paura, le sue spine stanno sicuramente tra te e il tuo cuore, ma ancora di più tra te, l'altro, il suo cuore e ciò che di tuo vedi nel suo cuore.

Un percorso complicato passare per l'altro. Più semplice sarebbe restare dentro di te e cercarti, solo che non lo sai, o non puoi saperlo per le tue oscurazioni karmiche.

Ma se proprio non vuoi o puoi chiudere gli occhi, fermarti, ascoltare il tuo respiro, lasciarti cadere in quell'immenso vuoto buio, senza fondo con la fede che troverai qualcosa;
se proprio insisti a cercare qualcosa dove tutti lo cercano e credono di trovarlo, allora accomodati pure. Almeno su quella strada vai fino in fondo.

Quella sofferenza che vivrai, i suoi strascichi e il suo prezzo per trovarti e che potevi pagarli un milione di volte di meno fermandoti, ascoltando il tuo respiro, la follia della tua mente;
in quell'angoscia, abbandono, nella fine dell'illusione ritroverai ciò che avevi perso: la tua ferita e la possibilità di guarirla una volta ancora, un pò di più.

Ti innamori, ma in fondo lo fai per te.
E' un lavoro sporco, ma si inizia così.
E' un apprendistato verso te stesso, verso te stessa, per cui fallo e fallo con tutto l'amore che puoi fino in fondo - per l'altro e quando potrai, per te.

Quando potrai, per te.