domenica 19 giugno 2016

Perché non puoi smettere di giudicare

Se tu sapessi veramente cosa hai dovuto vivere nell'infanzia non ti giudicheresti,
ma non lo sai.
L'hai accantonato per poter andare avanti e sentirti all'altezza del complesso compito di dover crescere.

Se tu sapessi veramente quanta paura hai dentro non ti giudicheresti per i tuoi errori, ma non lo sai.
L'hai smarrito nel tentativo di competere con te stesso e le tue debolezze e vincere l'applauso del mondo e dei tuoi genitori.

Se tu sapessi veramente quanta disperazione hai dentro non giudicheresti il prossimo per i suoi gesti disperati, ma non lo sai, perché non lo potresti reggere.

Così rifugiato nel piccolo scoglio della mente razionale con i suoi stereotipati giudizi (di superiorità, di inferiorità, di essere o non essere bravi, di essere o non essere migliori di altri) eviti semplicemente di sapere quello che c'è, con la sua angoscia e il suo bisogno di essere abbracciato.

Siamo tutti sulla strada della disperazione come diceva il mio insegnante Sergio Mazzei: se vuoi smettere di giudicare il tuo partner, i tuoi amici, il mondo, te stesso renditene semplicemente conto (con il respiro, la meditazione, la psicoterapia).

L'alternativa al diventare consapevole è lo scaricare le tue angosce e i tuoi conflitti sugli altri e riempirli di caos, in cambio del tuo fragile equilibrio.

Il prezzo del giudizio e della separazione in cambio di una misera tranquillità o il prezzo dell'angoscia in cambio della compassione e del senso di unità.

Quale scegli?







Nessun commento:

Posta un commento