lunedì 15 agosto 2011

Quella che per il mondo è la depressione...

potrebbe trattarsi semplicemente di stanchezza delle nostre meschinità, o delle nostre debolezze, o della vita insulsa che conduciamo e che ci porta lontano da ciò che desideriamo.

Potrebbe trattarsi di una prova che la vita ci pone per vedere se siamo in grado di meritare ciò che ha in serbo per noi.

Potrebbe trattarsi di un fuoco sacro che brucia le impurità del cuore affinchè possa ricevere nuovo nutrimento.

Potrebbe trattarsi di una voragine che si apre nell'anima e da cui può finalmente sgorgare, via via con sempre più consapevole energia, nuova linfa vitale.

Potrebbe trattarsi della parte nevrotica che vede morire un altro pezzo di sè affinchè l'essere di Luce che siamo si manifesti in tutta la sua bellezza.

Il processo è lento e doloroso. Tortuoso a tratti e insidioso in altri.
Sembra che sia anche obbligato per fare certi passaggi.
E forse è semplicemente l'inverno che arriva puntuale ogni anno.
Prima della prossima primavera.