mercoledì 9 settembre 2015

Perché ti senti cattivo, perché ti senti cattiva.

Autore: Kathryn Chan.
Licenza Creative Commons
Alla maggior parte delle persone capita di pensare di essere cattive.

Per alcune il pensiero è più radicato, in altre meno, ma tutte sono danneggiate da questa visione.

Se sono cattivo in fondo non mi merito il bello, le cose buone della vita. Mi saboterò.

Forse farò cose cattive per convincermi dell'idea che sono cattivo, o forse voglio convincere gli altri di questo: se faccio così solleverò i miei genitori o i miei carnefici dalle mie accuse.

Perché davanti al carnefice, nella nostra innocenza potremmo aver pensato di ferirlo, o farlo sparire, eliminare. I bambini lo possono pensare, e possono temere poi il loro stesso pensiero.

(Odiare qualcuno che ami è lacerante, e così le parti che amano e che odiano si separano, si ignorano pur vivendo assieme e ogni relazione viene vissuta nella dualità: odio e amore, un momento l'uno e un momento l'altro, ma questo è un altra storia...).

I bambini crescono pensando di essere cattivi a causa della violenza che sentono in loro, quella violenza che accorre in loro aiuto per sopravvivere a un genitore violento (con le parole o le azioni).

Quella "violenza fondamentale", direbbe Bergeret, corre in aiuto dei deboli e degli impotenti davanti a sfide cruente, estreme (come un papà che picchia una madre, o un fratello...): però poi viene espressa - o repressa. Ma in entrambi i casi poi il bambino non si capacita dei propri pensieri, o delle proprie azioni.

Ma non è colpa sua: è un peso che i genitori gli hanno scaricato addosso impropriamente.

Così immagina quel bambino davanti alle scene di violenza e ingiustizia e digli: "non è colpa tua; non potevi farci nulla, era inevitabile odiare; semplicemente ammettilo al tuo carnefice che lo odi - e poi lascia quell'odio a lui. Da lui è nato, a lui può tornare".

Così sei finalmente libero, libero di essere buono.

Credere nella propria bontà fondamentale, come ci ricorda anche Chogyam Trungpa, è basilare per una vita felice.



Nessun commento:

Posta un commento