venerdì 30 dicembre 2016

Un saluto a George Michael e alla nostra parte migliore

Aivanov scrive che la nostra anima è come una goccia d'acqua e che cadiamo dal cielo con un compito: qua abbiamo qualcosa da lavare via, la dobbiamo purificare qualcos'altro, laggiù dobbiamo nutrire altro ancora. Nel farlo ci sporchiamo, è inevitabile, ma poi nel tornare al cielo ritroviamo la nostra purezza pronti per un'altra avventura.


A questo proposito penso a persone come George Michael, del quale alcune canzoni mi sono rimaste impresse, come "Like a Jesus to a Child"...






... con le emozioni e sensazioni di benessere, pienezza, pace, comprensione, accettazione che comunica. Mi chiedevo come sarebbe meraviglioso vivere in uno stato di quel genere, per la maggior parte del tempo. L'ascoltavo e riascoltavo e lo stesso facevo durante i miei corsi per aiutare le persone ad accedere a quegli stati.

Ma anche altre come questa che parla di giustizia e ingiustizia con toni umani...




O questa che accenna ai temi della vita e della morte e del dopo morte...


Poi se si accostano queste espressioni ad altre che non sono altrettanto alte, si rischia di restare un pò delusi, così poi penso che in generale,

non sempre siamo all'altezza di quello che scriviamo o diciamo, ma quello che esce da noi ha una vita autonoma e ha un percorso suo indipendentemente da noi e fa del bene nonostante noi.

Ed è meglio non essere sempre all'altezza delle nostre più alte manifestazioni che essere sempre al disopra di una mediocre concretizzazione di ciò che siamo.

Ed è meglio lasciare in qualcuno un segno positivo che nascondersi per timore di sbagliare.

Ed è meglio aspirare a vivere come le nostre migliori espressioni che spendere tempo a vergognarci per ciò che non siamo stati all'altezza di saper fare nonostante ciò che abbiamo detto e saputo.

Perciò voglio ricordare George Michael per la sua parte migliore, così come voglio ricordare le persone e me stesso negli anni trascorsi assieme per ciò che di bello e buono abbiamo condiviso e portato in questo piano materiale.

Il resto possiamo dimenticarlo e andiamo avanti: mi piace immaginare che lui continuerà con il suo viaggio per essere ancora di più ciò che è veramente nel profondo dopo aver riposato un pò in una dimensione più gentile di questa, e così potremo fare noi nei mesi che verranno; potremo continuare a lasciare andare il nostro non-ordine, il nostro non-amore, il nostro non-comprendere per diventare ancora di più ciò che siamo veramente e che ogni tanto fa capolino tra le nostre parole, i nostri pensieri, le nostre azioni.

Così come le canzoni che ha cantato lui, anche noi abbiamo da cantare le nostre. Avremo esercizi da fare, discipline da tenere, dovremo purificare il più possibile il messaggio dal nostro ego e dalla paura, ma alla fine la melodia sarà quella che serve a noi e serve a chi ci sta intorno e rende questo mondo meritevole di essere vissuto.

Se anche avremo cantato una sola buona canzone, pochi minuti in un mare di momenti stanchi, forse già questo avrà dato un senso a tutto quel tempo che, in fondo, rispetto all'eternità, è comunque poco.
E forse se ci rilassiamo con questo pensiero, avremo più energie da dedicare a ciò che ci fa stare bene e meno al timore di sbagliare.

Buone canzoni a tutti per il 2017 e grazie Michael per le tue canzoni più belle.






domenica 25 dicembre 2016

Buon Natale e Buon Anno

La Luce è nata in mezzo alle tenebre,

nel momento più buio dell'anno è iniziato il cambiamento,

e così ricorda che ogni volte che sei nel momento peggiore

quello è il momento in cui siamo più vicini alla Luce

e che da lì a poco inizierà un altro ciclo, esattamente come l'anno che sta per iniziare.

Ti auguro perciò di non sprecare questa occasione e di progettare la strada

verso ciò che è prezioso per te.

Ricordati del tuo corpo, del tuo cuore, della tua mente, della tua anima e del tuo spirito,

ricordati di te e degli altri,

ricordati di progetti brevissimi, brevi, medi e lunghissimi.

E poi meditando lascia che le tue intenzioni come i semi nel buio dell'inverno scendano dentro di te,

e ti accompagnino naturalmente alla realizzazione di ciò che desideri maturando a poco a poco nei mesi a venire,

e che l'abbraccio con chi ami e ti ama non manchi mai.

Buon Natale e uno splendido 2017.

Alessandro









lunedì 28 novembre 2016

La vita è il combustibile della meditazione

Alle volte capita di meditare
ma la mente non vuole stare centrata.

Ma se la forza di stare nel qui ed ora venisse semplicemente dall'osservare la vita così com'è,
con le nostre limitazioni,
la nostra banalità,
le nostre ossessioni?

La paura della solitudine,
la paura di morire,
di impazzire,
di invecchiare,
di essere cacciati dal branco,
di essere abbandonati,

queste stesse paure sono anche la fonte dell'energia per stare attenti al respiro,
per alzarsi la mattina a praticare,
per ascoltare il corpo nei diversi momenti della giornata.

Ascoltare il nostro respiro come se fosse l'ultimo,
quando la vita ci toglie il respiro
(per qualcosa di bello o di brutto)
può donare intensità all'esistenza,
e alla pratica meditativa.

Ogni respiro può essere l'ultimo,
i secondi non passano mai,
ogni istante è eterno,
non c'è un posto dove andare perchè non vuoi o perchè non hai alternative...

Quello è il momento in cui l'energia si incanala e permette la meditazione.

Forse la vita ci offre tutto quello che serve per meditare
e se sapessimo osservare la vita com'è avremmo energia a sufficienza per essere presenti.

La vita non è un disturbo alla meditazione,
la vita è il combustibile della meditazione.













mercoledì 28 settembre 2016

L'Arte di Pulire lo Specchio

Abbiamo trovato inquinamento,
disonestà,
menzogna,
distruzione,
crudeltà e sadismo.

Abbiamo incontrato chi invece di usare il potere per aiutare l'ha usato per schiacciare,
chi sapeva che invece di condividere ha taciuto e approfittato della differenza,
chi doveva prendersi cura e invece ha abusato del ruolo.

Al posto della cultura l'ignoranza,
al posto della salute la malattia,
al posto della forza la debolezza,
al posto dello scambio l'isolamento,
dove doveva esserci attenzione per il mondo c'è odio per il mondo.

Insomma abbiamo trovato un mondo all'incontrario.

Hai potuto così capire attraverso tutto questo cosa ancora resta da pulire in te per prepararti a un'altra esperienza dopo di questa.

Puoi ringraziare questo specchio che ti aiuta a riconoscere l'Ombra, portandogli in regalo la Tua Luce.

Il mondo delle creature, animato e inanimato, l'universo che scopri dentro chiudendo gli occhi,
lascia che si manifesti nelle parole, emozioni, gesti, progetti mano a mano che ti liberi dalle oscurità che il mondo fuori ti rimanda.

Quando verrà l'ora di partire avrai così pulito quello specchio che in fondo eri tu quando sei arrivato, arrivata qui.

Quando andremo ricorderemo che non eravamo migliori del mondo quando siamo arrivati, ed ora lui ha pulito te, tu hai pulito lui. Ora la sua funzione l'ha fatta, tu il tuo compito l'hai eseguito.












domenica 18 settembre 2016

Vita da cacciatori

Alle volte sembra ma non è
stanchezza,
fame,
tristezza,
rabbia,
fastidio,
o noia,
o altro.

Alle volte le soluzioni che mettiamo in atto non bastano a sfuggirgli, ed è frustrante.

Invece è molto più premiante stare ad osservarlo,
cercarlo senza tregua,
di giorno e di notte,
nella meditazione e nelle passeggiate,
in mezzo alla gente e da soli,
respirando con consapevolezza,
aspettando il momento in cui si rivelerà.

Potrebbe essere questa l'arte della caccia
a ciò che c'è,
con il suo carico mai digerito totalmente
di aspetti non capiti, non voluti, non accolti.

Il premio è la completezza - fino alla prossima, imminente caccia.



domenica 19 giugno 2016

Perché non puoi smettere di giudicare

Se tu sapessi veramente cosa hai dovuto vivere nell'infanzia non ti giudicheresti,
ma non lo sai.
L'hai accantonato per poter andare avanti e sentirti all'altezza del complesso compito di dover crescere.

Se tu sapessi veramente quanta paura hai dentro non ti giudicheresti per i tuoi errori, ma non lo sai.
L'hai smarrito nel tentativo di competere con te stesso e le tue debolezze e vincere l'applauso del mondo e dei tuoi genitori.

Se tu sapessi veramente quanta disperazione hai dentro non giudicheresti il prossimo per i suoi gesti disperati, ma non lo sai, perché non lo potresti reggere.

Così rifugiato nel piccolo scoglio della mente razionale con i suoi stereotipati giudizi (di superiorità, di inferiorità, di essere o non essere bravi, di essere o non essere migliori di altri) eviti semplicemente di sapere quello che c'è, con la sua angoscia e il suo bisogno di essere abbracciato.

Siamo tutti sulla strada della disperazione come diceva il mio insegnante Sergio Mazzei: se vuoi smettere di giudicare il tuo partner, i tuoi amici, il mondo, te stesso renditene semplicemente conto (con il respiro, la meditazione, la psicoterapia).

L'alternativa al diventare consapevole è lo scaricare le tue angosce e i tuoi conflitti sugli altri e riempirli di caos, in cambio del tuo fragile equilibrio.

Il prezzo del giudizio e della separazione in cambio di una misera tranquillità o il prezzo dell'angoscia in cambio della compassione e del senso di unità.

Quale scegli?







domenica 12 giugno 2016

Perché ti innamori delle persone sbagliate?

Perché vedi qualcosa di te,
ma ancora non lo sai.

Vedi, senti quello che di più tenero c'è in te e non hai ancora accettato, o benvoluto.
Quella ferita che nessuno ha visto, ferendoti milioni di anni fa, miliardi di volte. Quel dolore che anche tu hai smesso di vedere, di curare.

Se ti potessi voler bene,
andresti direttamente al tuo cuore, senza passare per cattivi intermediari.
Andresti verso la tua freddezza e la tua durezza, per accoglierle e accogliere quello che nascondono sotto.

L'ego, la sua paura, le sue spine stanno sicuramente tra te e il tuo cuore, ma ancora di più tra te, l'altro, il suo cuore e ciò che di tuo vedi nel suo cuore.

Un percorso complicato passare per l'altro. Più semplice sarebbe restare dentro di te e cercarti, solo che non lo sai, o non puoi saperlo per le tue oscurazioni karmiche.

Ma se proprio non vuoi o puoi chiudere gli occhi, fermarti, ascoltare il tuo respiro, lasciarti cadere in quell'immenso vuoto buio, senza fondo con la fede che troverai qualcosa;
se proprio insisti a cercare qualcosa dove tutti lo cercano e credono di trovarlo, allora accomodati pure. Almeno su quella strada vai fino in fondo.

Quella sofferenza che vivrai, i suoi strascichi e il suo prezzo per trovarti e che potevi pagarli un milione di volte di meno fermandoti, ascoltando il tuo respiro, la follia della tua mente;
in quell'angoscia, abbandono, nella fine dell'illusione ritroverai ciò che avevi perso: la tua ferita e la possibilità di guarirla una volta ancora, un pò di più.

Ti innamori, ma in fondo lo fai per te.
E' un lavoro sporco, ma si inizia così.
E' un apprendistato verso te stesso, verso te stessa, per cui fallo e fallo con tutto l'amore che puoi fino in fondo - per l'altro e quando potrai, per te.

Quando potrai, per te.












domenica 8 maggio 2016

Non importa - riporta l'attenzione al respiro

Meditando,
seduto a terra,
ascolta il respiro,
mentre il tempo del cronometro scorre.

Immagini sorgono nella mente come sogni,
riporta l'attenzione al respiro.

Suoni e voci interne arrivano all'orecchio
riporta l'attenzione al respiro.

La schiena si piega davanti
al peso delle abitudini,
raddrizzala e riporta l'attenzione al respiro.

Alza lo sterno, abbassa il mento
nella posizione del coraggio.

Rilassa la zona tra il centro della fronte e il labbro superiore,
nell'atteggiamento della padronanza.

Abbozza a un leggero sorriso,
come un leone fiero nella savana e infine

riporta l'attenzione al respiro.

Ricordi e rimpianti offuscano l'attenzione,
riporta l'attenzione al respiro,

Preoccupazioni per il futuro coprono la motivazione,
riporta l'attenzione al respiro.

Il respiro diviene a poco a poco circolare, pacifico, rilassato,
lampi di contentezza senza motivo dopo minuti passati a focalizzare la mente
tra il labbro superiore e la punta del naso.

Il corpo intorpidito richiama,
riporta l'attenzione al respiro.

La ricerca di un senso a quello che stai facendo urla,
riporta l'attenzione al respiro.

Suona la sveglia,
l'Odissea è finita.

Naufragi, felici approdi, nebbie e sabbie mobili,
vittorie e sconfitte.

Non importa,
il patto è suggellato,
con calma, costanza, regolarità,
ricomincia la pratica - riportando l'attenzione al respiro.







martedì 26 aprile 2016

Estratto conferenza Unesco 2016

Ringrazio il Club Unesco di Udine che mi ha dato l'occasione di presentare il mio libro "Intelligenza Emotiva e Respiro" e gli argomenti che mi stanno a cuore come la meditazione, il respiro consapevole, l'evoluzione della coscienza come filosofia di vita.

https://www.youtube.com/watch?v=J1BHQfqpqCg

Buona visione!

Alessandro

domenica 20 marzo 2016

30 marzo 2016 presentazione libro "Ricominciare da un amore che finisce"

A Udine,
presso il Contarena,
alle 20.30,

presenterò il mio ultimo libro sulle modalità per uscire con successo dalla fine di una relazione di coppia per ricominciare con una marcia in più.

Ingresso naturalmente libero e spero ci sia posto per tutti.










sabato 30 gennaio 2016

Integrare l'Ombra: dal nemico alla compassione

Author Saffron Blaze
Permission (Reusing this file) David Cadle - The History Man
Il nemico,
l'avversario,
colui che parla male di te,
colui che ti detesta,
colui che non ha stima di te,
colui che ti vede come fumo negli occhi,
o che alla sola vista ti crea disagio,
o che intesse trame per farti gli sgambetti,
o che ti tradisce.

Colui al cui pensiero potresti non dormire,
o che preferiresti non trovare sulla tua strada domani,
e nei giorni a venire,
e magari ci sei costretto a lavorare accanto,

questa è l'incarnazione dell'Ombra: della tua.

E' ciò che ancora non sei riuscito ad integrare nemmeno nel tuo percorso spirituale,
o psicoterapeutico, o di crescita personale.

Fa parte delle energie avverse che hai dovuto affrontare nei primi anni di vita,
o ancora prima alle volte.

Fa parte delle persone e delle ingiustizie che hai dovuto subire e delle emozioni che hai provato e che ancora non hai accettato e forse nemmeno visto ancora.

Fa parte delle persone che ancora non ricordi e con cui hai avuto disgraziatamente a che fare, o di cui ti ricordi ma dopo aver rimosso le relative emozioni.

Così attraverso il tuo nemico ti puoi ricordare cosa hai dovuto subire e puoi recuperare ancora vissuti da integrare - ossia vedere, accettare e guarire con compassione.

O ancora, il nemico rappresenta ciò che hai fatto forse in un lontano passato: allora puoi dedicare con compassione la sofferenza a coloro che soffrono per le stesse situazioni, recuperando così l'esperienza di colui che forse hai fatto soffrire in questa esistenza in modi, se non uguali, simili (anche solo per una volta).

O forse il nemico rappresenta colui che ti mette di fronte alle tue incapacità: alla mancanza di coraggio rispetto alla necessità di cambiare direzione nella tua vita. Il nemico viene a dirti: devi cambiare strada. Questa non è più la tua. Così il nemico è fonte di risveglio, per ritrovare ciò che avevi smarrito.

O ancora il nemico è il limite, colui che viene a dirti che la tua strada è sbarrata e non puoi proseguire. Così diventa la manifestazione di quell'ultimo limite che è la morte con le sue anticamere.
Da sempre nei percorsi spirituali la sua contemplazione è fonte di risveglio è cambiamento: così potrebbe esserlo per te per quel suo inconsapevole tramite che è il nemico.

O ancora, il nemico è colui che ti mette davanti a ciò che non sai e che hai preferito non affrontare: la mancanza di strategie, risorse, energie, visioni. Il nemico stimola così la creatività per affrontare una situazione di sofferenza.

Se fosse facile, non sarebbe un nemico e, forse, non ci sarebbe nemmeno bisogno di ricorrere a strumenti così faticosi e insoliti alle volte, come la meditazione, lo studio e la disciplina.

Alla fine, come scrive anche Hellinger, il nemico non è che l'incarnazione del tuo Destino e il modo in cui può compiersi
e la compassione, il coraggio e la forza rappresentano così quel frutto finale di un percorso tutt'altro che in discesa.